Gioielli

GIOIELLI IN RAKU E MACRAME’

Oggi, in un mondo ormai omologato e globalizzato, il gioiello ideato e realizzato a mano, inevitabilmente imperfetto rispetto a quello lavorato industrialmente, ha riacquistato un valore prezioso perché offre a chi lo indossa la possibilità di esprimere e sottolineare la propria unicità.

Questi gioielli, sono abbinati a elementi in ceramica Raku creati artigianalmente. La preziosa ceramica Raku giapponese, prevede che il biscotto venga sottoposto ad una seconda cottura che serve a vetrificare il rivestimento. L’innovazione più importante rispetto alla tecnica tradizionale è quella che prevede una post cottura riducente anzichè ossidante: il pezzo cioè, una volta estratto dal forno viene inserito in un recipiente contenente foglie, paglia, segatura o altro materiale infiammabile. Tale operazione innesca una combustione che viene subito soffocata dal ceramista, generando un’atmosfera riducente che avvolge il pezzo. Questo processo determina (in combinazione con gli ossidi dello smalto) particolari effetti e sfumature, spesso unici ed irripetibili.

Il macramè è la tecnica utilizzata per montare le collane. Caratteristica di questo lavoro è l’arte di creare degli ornamenti intrecciando e annodando una serie di fili utilizzando seta, cotone, juta e canapa. Furono le donne liguri e soprattutto quelle di Chiavari  a sviluppare e a far propria questa tecnica, trasformandola in ornamento per asciugamani, lenzuola e tovaglie; così preziosi che andavano a far parte del corredo della sposa. Da madre in figlia, questa trama si è arricchita secondo la fantasia delle sue creatrici, racchiusa in una lavorazione tipicamente famigliare.